This site uses cookies.
Cookies are essential to get the best from our websites , in fact almost all use them.
Cookies store user preferences and other information that helps us improve our website.

If you want to learn more or opt out of all or some cookies check the Cookies Policy .

Click on accept to continue browsing, clicking on any item below nonetheless consent to the use of cookies.
  • fb
  • tw
  • gp

Guida in stato d'ebrezza - cronaca

12 ago 2013 - 09:18
Diversi sondaggi, hanno portato alla luce che, purtroppo, si inizia a bere sempre in età più precoce. Come il fumo, anche l'alcol è una brutta piaga: due distrazioni tra le più pericolose e causa di incidenti mortali, o meglio, vere e proprie stragi.
Tuttavia, è allo stesso tempo risaputo, che ognuno di noi, reagisce in modo diverso ai sintomi di mal essere provocati da queste piaghe.

Ma è l'alcol, il protagonista di questo articolo: nella sola giornata di ieri, due episodi hanno segnato quella che doveva essere una festa e un momento di ritrovo per tutti. Ferragosto è insieme l'apice e il giro di boa della stagione estiva, quasi l'anticamera dell'autunno, considerato il clima.

Ma andiamo con ordine: il primo episodio, avvenuto in un paesino del Sulcis, è uno di quelli mirati a creare un rimorso verso chi, in quel momento, stava svolgendo un regolare servizio di prevenzione e sicurezza stradale.
Al protagonista, fermato dalle forze dell'ordine, è stato effettuato il test dell'etilometro, il quale ha rilevato un tasso di 1,70 g/l, ben oltre i limiti consentiti e lontano anni luce dalla "tolleranza zero".

Non essendo in grado di reggersi in piedi, è stato necessario chiamare un familiare per accompagnarlo a casa, poichè, come prevede la nuova normativa, in questi casi c'è il ritiro della patente e il conseguente sequestro del veicolo.
Nessuno, però, poteva prevedere un gesto estremo come quello compiuto e scoperto dal genitore. 24 anni e un intera vita davanti, non un biglietto o alcun sentore per le intenzioni di farla finita dopo qualche bicchiere di troppo e un test non superato.
Ironia della sorte, è toccato agli stessi carabinieri che lo avevano fermato, l'onere dei rilievi di legge e l'invio del rapporto al magistrato, il quale ha disposto la rimozione.

L'altro episodio, verificatosi a Cagliari, smentisce quella che nella maggior parte dei casi, è la reazione tipo del pirata della strada, in preda ai fumi dell'alcol: infatti, non solo ha prestato i primi soccorsi alla sventurata famigliola, ma ha anche provveduto a chiamare l'ambulanza e i vigili per quella che potrebbe definirsi un autodenuncia

A questo punto, è doverosa una riflessione: i giovani d'oggi, coloro che dovranno reggere le sorti future e magari migliorare il mondo, non dimostrano di avere la forza per migliorare sè stessi e affrontare le difficoltà che la vita presenta.
Per cosa si uccide, e, in alcuni casi, per cosa ci si uccide: solitamente per delusioni d'amore, per essere stati bocciati a scuola, aver perso il lavoro... ma non per un ubriacatura di gioventù e qualche punto sottratto dalla patente.

C'è tempo per ogni cosa, e ogni cosa ha il suo tempo. Ubriacarsi, fumare, schiacciare il pedale dell'acceleratore più del dovuto, beccarsi una multa: sono come mali di stagione, emozioni che si provano per un pò d'adrenalina, ma che non si devono ripetere.
Quando si capisce che fanno male, si deve smettere, e se possibile, crescere e andare avanti. In particolar modo, bisogna evitare di mettersi alla guida in questi stati d'animo, creando situazioni di pericolo per se stessi e gli altri.
Atzeni Infortunistica Stradale s.r.l.
Via Cagliari, 2 - 09045 Quartu Sant'Elena (CA)
Codice Fiscale - Partita Iva - N. CCIAA di Cagliari: 03235480922
Capitale Sociale interamente Versato € 90.000,00